Indice di soddisfazione generale feedback Casaforte
Articolo

Una vita dinamica: Lauren Caramico

Italo-americana di Brooklyn, ex dirigente di New York, ha lasciato tutto quello che aveva per iniziare una nuova vita qui in Italia, precisamente a Roma, città di cui si è perdutamente innamorata.

“Ora finalmente sto facendo qualcosa di significativo e che amo” dice Lauren di se stessa, ossia creare itinerari personalizzati in cui le persone che visitano l'Italia, vengono guidate alla scoperta dei luoghi e dei locali più esclusivi e autentici, quelli in cui si assapora la Roma Vera e Unica, lontana dal classico tour organizzato che spesso sa di patinato e preconfezionato.

Ecco un’altra delle storie affascinanti, che sembrano inventate, ma che invece raccontano la vita reale dei nostri clienti reali, quelli che incontriamo nei nostri corridoi o con cui da subito, già dal primo incontro, si instaura un rapporto speciale, perché mossi dalla stessa passione che anima anche noi.

Lauren è una persona così, una donna piena di vita e di entusiasmo. I suoi canali social sono un inno alla gioia di vivere, alla passione per quello che fa e alla voglia di condividere e far star bene il prossimo; insomma una che di accoglienza ne sa e anche parecchio ;)

Per questo quando i nostri ragazzi ce l’hanno segnalata abbiamo subito voluto conoscerla e lei, con il suo solito entusiasmo, ha accettato di scambiare due chiacchiere con noi.

Ciao Lauren, raccontaci di te… tu sei nata in America, ma sei italo-americana; la passione per il nostro Paese è quindi una cosa che hai sempre avuto, che hai sentito sin da piccola o è una scoperta avvenuta col tempo?

Immagino che essendo di terza generazione, ho sempre avuto l'Italia nel sangue. Da che ho memoria ho amato l'Italia senza conoscerla personalmente. Ascoltando le storie di un altro tempo raccontate da nonni e prozie, crescendo con le antiche tradizioni italiane, cibo, film, musica, ecc. Non pensavo di poter sentire questo sentimento ancora più forte, fino a quando non ho fatto un breve semestre di studio qui nel 2006. Il cibo, le persone, il loro approccio alla vita e al vivere, nonché l'assoluta bellezza in ogni forma diversa che si può trovare in questo Paese. Fu allora che mi innamorai di Roma e vi lasciai un pezzo del mio cuore. Mi ci sono voluti solo 10 anni, circa, per tornare per sempre.

 

Da quanto tempo ti sei stabilita definitivamente in Italia?

A fasi alterne 5 anni... ma non di fila! Devo sempre sottolineare questo punto perché parlo ancora così male l'italiano. Mi sono trasferita qui per la prima volta nel 2016 quando ho lasciato il mio lavoro quasi decennale nel campo della pubblicità e ho venduto tutte le mie cose. Ma è stato un lungo processo. Ho dovuto fare avanti e indietro tra Roma e New York ogni 3 mesi, restando per un massimo di 3 mesi ogni volta, perché non avevo il visto. Finalmente ad Aprile 2017 sono diventata Cittadina Italiana! Fortunatamente, ho potuto richiedere la cittadinanza grazie ai miei bisnonni, quindi ora ho la doppia cittadinanza e non devo continuare a lasciare l'Italia ogni 3 mesi!

 

Quando sei venuta in contatto con noi, quale era la tua esigenza?

Durante il mio primo anno qui, sono dovuta tornare a casa inaspettatamente perché mio padre era malato e avevo bisogno di prendermi cura di lui durante i suoi ultimi giorni. Casaforte è stato il primo posto che è apparso sulla mia ricerca su Google e fortunatamente per me, voi ragazzi siete stati in grado di prendere le mie cose all'ultimo minuto (ma questa non è stata l'ultima volta). Qualche anno dopo, mi sono ritrovata di nuovo a dover gestire un trasloco proprio prima che la pandemia colpisse. Quindi, i ragazzi di Casaforte sono “riapparsi” per me all'ultimo minuto e mi hanno trovato uno spazio adatto, solo una settimana prima che l'intero paese chiudesse!

È stato un momento agrodolce quando ho finalmente chiuso il mio spazio (per la seconda volta da quando mi sono trasferita qui) lo scorso aprile. Ancora oggi mi tengo in contatto sia con Gab che con Andrea! Ma qualcosa mi dice che tornerò di nuovo…anche solo per una visita ;)

 

Qual è la cosa che hai apprezzato di più da noi?

Il tuo staff, in particolare Andrea e Gab. Sono persone fantastiche e sono stati i miei “salvavita” in questi ultimi anni. In realtà mi piaceva entrare per prendere le mie cose perché era come ritrovare vecchi amici. Erano sempre affidabili, oltre il bisogno contingente, riuscivano sempre a offrirmi un aiuto in più, ad essere davvero attenti alle mie esigenze. Si sono seriamente preoccupati! Per quanto riguarda i servizi di Casaforte nel complesso: affidabili, amichevoli, efficienti e focalizzati al 100% sul cliente.

 

Grazie al tuo lavoro incontri un sacco di gente, frequenti locali e vivi il contatto con la città e con le persone di ogni parte del mondo… quali sono le cose che secondo te gli stranieri apprezzano di più della italianità, aldilà dei luoghi comuni?

Penso che la cosa numero uno (almeno per me) sia come gli italiani sanno accoglierti a braccia aperte, indipendentemente dalla situazione, che tu sia un turista per la prima volta, trasferito da poco, o un vecchio volto familiare.

 

Grazie alla tua storia puoi avere una visione più obiettiva e “reale” degli italiani e degli stranieri; se dovessi descrivere l’Italia o gli italiani con tre aggettivi, quali sarebbero?

Oh. Tre parole?! Ok... ospitale. Generoso. Caldo.

L'ospitalità, la generosità, il calore (e la passione e il gusto per la vita) degli italiani rimangono senza pari.

 

In apertura lo abbiamo detto… a guardarti da fuori la tua vita è pazzesca: sei una donna che ha inseguito le sue passioni e ne ha fatto la sua vita; c’è qualcosa che vorresti cambiare ancora o a cui stai lavorando? Qual è il prossimo obiettivo?

Bene, in questo momento sto solo cercando di rimanere positivo e aspettare che la pandemia sia un ricordo del passato in modo che le nostre vite (e il turismo) possano finalmente riprendere. Faccio miei i consigli di alcuni saggi amici italiani, concentrarsi solo sulle cose belle e vivendo la vita giorno per giorno. Perché non abbiamo alcun controllo al di fuori di questo. Tuttavia, vorrei trovare finalmente una residenza permanente, dopo aver cercato così a lungo. Questo dovrebbe essere il mio obiettivo numero uno. Anche se me lo dico dal 2016!

 

Se avessi la possibilità di portare a cena un personaggio famoso che ancora non hai incontrato (o un personaggio storico) chi sceglieresti e dove lo porteresti?

Che bella domanda! So che forse questa non è la risposta più profonda al mondo, ma dovrei dire Frank Sinatra o Dean Martin. Credo sarebbe stato un vero delirio cenare con loro. E so esattamente dove li avrei portati - uno dei miei ristoranti preferiti qui a Roma - Osteria Z'Umberto. Ci sono alcune delle persone migliori - e la migliore amatriciana del mondo. Avrebbero adorato un posto così. Posso quasi immaginare tutte le battute e le risate tra loro e lo staff! Sarebbe stata davvero una gran cena!

 

Come vedi il nostro Paese e l’ambito della ristorazione, dei locali e della accoglienza da qui ai prossimi 10-20 anni? Su cosa dovrebbero concentrarsi secondo te le persone?

Ho fatto un breve sondaggio all'inizio della pandemia con alcuni ex clienti e altri che sarebbero diventati clienti, oltre che amici e il responso è: tutti vogliono tornare a viaggiare il prima possibile.

Quindi, nel momento in cui le restrizioni si attenueranno e il virus diventerà meno grave, le persone sono pronte a uscire a frotte. Le persone desiderano uscire, viaggiare, esplorare nuovi posti e avere interazioni, scambi e connessioni umane nella vita reale ora più che mai. Una buona notizia per il settore dell'ospitalità e del turismo che soffre dall'inizio della pandemia. Un altro esito positivo dal mio piccolo sondaggio: tutti (soprattutto dagli Stati Uniti) hanno una profonda connessione e amore per l'Italia e non vedono l'ora di poter tornare di nuovo. Quindi, per questi motivi, rimango fiduciosa di poter ripartire, penso e spero entro la prossima primavera. Forse ci vorrà un altro anno intero fino a quando le cose non torneranno alla normalità del pre-Covid. Detto questo, penso che il mondo dovrebbe cercare di adottare un approccio diverso al turismo e ai viaggi. Questa è una grande opportunità per resettare molte cose e il modo in cui viaggiamo e interagiamo con altri paesi e culture dovrebbe essere uno di questi. Prima della pandemia, molti luoghi (soprattutto in Italia) erano quasi invasi dai turisti, la maggior parte dei tour fatti in modo invadente. Speriamo di poterci concentrare su un modo più sostenibile e meno impattante di esplorare il mondo, che incoraggi un'emersione rispettosa con luoghi e persone locali reali, senza influenzare negativamente le comunità e le imprese coinvolte dall'altra parte. Penso che dobbiamo concentrarci sulle cose che contano di più nella vita (non solo quando si viaggia): esperienze autentiche, connessioni genuine e interazione umana.

 

Sei una giovane donna che ha avuto il coraggio di prendere in mano la sua vita e rivoluzionarla per inseguire un sogno… e pare che questo abbia pagato. Quali consigli daresti a chi ha le tue ambizioni ma ha paura di rischiare?

Beh... non proprio! Ma forse se la pandemia non fosse arrivata... (ride).

Nonostante l'aspetto dei miei post su Instagram, non è stato così facile. E non sono ancora sicura al 100% di riuscire totalmente nel mio progetto, ma non mi pentirò mai di aver cercato di creare una vita diversa per me stessa, una che ho creato dal mio sogno. Abbiamo solo una vita, quindi dobbiamo correre dei rischi per essere felici. A volte fare qualcosa di diverso è la strada giusta da percorrere, anche se non sai dove ti porterà quella direzione. E a volte le cose più spaventose sono le cose migliori della vita. L'importante è che tu ti prenda quei rischi, perché anche se non hai successo ci hai almeno provato. E questo di per sé è qualcosa di cui essere orgogliosi. Non vivere mai una vita di "e se" o di rimpianti. Inoltre, cerca di seguire il tuo istinto o il tuo intuito ogni volta che puoi. Perché quella sensazione, quell'istinto in noi, di solito ci indica la strada giusta da percorrere in ogni situazione.

 

C’è qualcosa che diresti alla versione giovane di te, se potessi incontrarla da bambina?

Tre cose in realtà:

1. Non forzarti a conformarti alle aspettative o alle pressioni della società: fai semplicemente ciò che ritieni opportuno per te e la tua vita, anche se sembra irrazionale, fai ciò che senti nel tuo cuore.

2. Sì… trasferisciti in Italia!

3. E non è mai troppo tardi per iniziare una nuova vita. Non importa quanti anni hai alle spalle o davanti a te.

Vuoi un preventivo o informazioni?

Inserisci i tuoi dati e ti contatterà un nostro consulente.
Ai sensi e per gli effetti degli articoli 7, 13 e 23 del D. Lgs. n. 196/2003, dichiaro di aver preso conoscenza dell'informativa di Casaforte per il trattamento dei miei dati personali, di essere esaurientemente informato in merito ai miei diritti e di conoscere come e dove esercitare gli stessi, pertanto per consenso e presa visione.
Acconsento al trattamento delle informazioni rilasciate per le finalità indicate nella predetta informativa:
contatta Casaforte CONTATTACI PER INFO O PREVENTIVI
contatta Casaforte TI CHIAMIAMO NOI?
CHAT chat Casaforte